“Mi sono divertito come un matto”, addio a Jean-Paul Belmondo

È morto Jean-Paul Belmondo. L’attore francese aveva 88 anni. Belmondo, divo della nouvelle vague, era nato a Neuilly-sur-Seine il 9 aprile 1933. Aveva recitato anche in Italia diretto, tra gli altri, da Alberto Lattuada, Vittorio De Sica e Renato Castellani accanto a Gina Lollobrigida, Claudia Cardinale, Sophia Loren e Stefania Sandrelli. Ebbe anche una relazione con l’attrice Laura Antonelli. La notizia della scomparsa di Belmondo è stata diffusa dai media francesi che hanno citato il suo avvocato spiegando che l’attore si è spento nella sua casa di Parigi.

L’attore, interprete di film che hanno segnato la storia del cinema, era molto legato all’Italia, sia per via delle origini familiari – i nonni paterni erano entrambi italiani – sia per il grande filone cinematografico italiano che lo vide protagonista in capolavori come La ciociara o Lo sciacallo.

Figlio dello scultore di origine italiana Paul Belmondo e della pittrice Madeleine Rainaud-Richard, non ha un’infanzia semplice.

“Il cielo proibisce in verità certi piaceri, ma con lui si trova un accomodamento”, dice un personaggio del Tartuffe di Molière. Jean-Paul Belmondo, che iniziò la sua carriera di attore proprio in un cortometraggio sulla vita del drammaturgo francese, ne sapeva certamente qualcosa di piaceri. Icona del cinema d’Oltralpe, non ha mai nascosto la sua passione per le donne e per i vizi. In occasione del Leone alla carriera ricevuto alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia del 2016, ha raccontato di non avere rimpianti: “Ho avuto una bella carriera, mi sono divertito come un matto e cerco di non dimenticare mai da dove sono venuto. Alcuni film hanno avuto successo, altri non l’hanno avuto. Ma questa è la vita”.

Published by

Andrea Luccioli

puoi seguire Andrea anche su: Facebook - Instagram - Linkedin

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.