Alessandro Bacchetta – speciale “Visioni” – Becoming X

Alessandro Bacchetta

Come il Coronavirus ha cambiato la tua vita?
«Poco e, allo stesso tempo, a livello sostanziale. Lavorando da casa, durante il pomeriggio già uscivo raramente; tuttavia l’impossibilità di fare qualcosa è molto diversa dal non farla per scelta, per cui, come per ognuno, i primi giorni non sono stati semplici».

Cosa hai riscoperto durante i giorni del grande isolamento?
«Più che riscoprire ho incrementato certe passioni. Rimossa la socialità a qualsiasi livello, ho donato più tempo a ciò che, del resto, facevo già: piuttosto che leggere dieci pagine al giorno ne ho lette venti, o cinquanta. Al posto di disegnare due ore ne disegno tre o quattro. Insomma, ho riscoperto una produttività che avevo perso da tempo. Ah, in realtà c’è una risposta più breve alla domanda: ho riscoperto la camomilla».

Cosa ti ha insegnato l’emergenza?
«Ha rimarcato la nostra necessità di socialità. Chiunque sostenga che da qui in poi tutto sarà diverso, che questo virus cambierà la forma mentis dell’uomo occidentale, sta solo comunicando delle speranze personali che non hanno fondamento. Quando finirà la nostra vita tornerà quella di prima. La gente tornerà alla quotidianità, all’inizio la apprezzerà più del solito, poi ricomincerà ad annoiarsi quanto prima».


cosa leggo

Jonathan Strange & Il signor Norrell” – Susanna Clarke

cosa guardo

Coco” – Pixar


BIO

Sono nato il 12 dicembre 1986. Ho pubblicato due graphic novel: “Una stanza tutta per tre” (Edizioni Nuova Prhomos, 2013) e Raffaello (2015, Kleiner Flug). Nel 2020 è uscita la mia graphic novel multimediale, LSD Comics (un’app per Android e iOS… scaricatela!).

Nel 2017 ho pubblicato una raccolta di racconti a fumetti, “Quel cielo così bianco” (Edizioni Nuova Prhomos). Nel 2010 ho illustrato un libro di Pinocchio (Aaren Editorial). Ho realizzato le illustrazioni per le etichette di Birra dell’Eremo, e scrivo dal 2002 per Multiplayer.it.

Sono diplomato in fumetto alla Scuola Internazionale di Comics di Firenze, e laurato in lettere all’Università di Siena.

 


Una matita ci salverà

Questo numero speciale di The Mag è nato da un’idea ma soprattutto dalla creatività di 50 illustratori del collettivo Becoming X. Scopriamoli!

Li abbiamo imparati a conoscere numero dopo numero su queste pagine.

Sono gli illustratori, i disegnatori e i fumettisti che insieme formano il collettivo Becoming X, un gruppo di ragazzi che dal 2012 ha deciso di condividere una passione, quella per il disegno.

Tante sensibilità, tanti sguardi e tante “penne” che, ognuna col proprio tratto, creano mondi e suggestioni che abbiamo imparato ad amare anche su The Mag.

In passato li abbiamo anche seguiti nei loro “live drawing”, delle specie di “estemporanee” dove ci si ritrova e si disegna insieme.

Li abbiamo visti all’opera in mille situazioni, dalla Galleria Nazionale dell’Umbria al Lars Rock Fest fino ai locali prima dei concerti o in degli eventi per i più piccini.

Talento, divertimento e tanta creatività: ci siamo innamorati subito del loro lavoro. Anche per questo, insieme al coordinatore e direttore artistico del collettivo, ovvero Daniele Pampanelli, abbiamo ragionato su una collaborazione “speciale” per questo numero da quarantena.

Il risultato di questo “esperimento” lo troverete nelle prossime pagine, a noi è sembrata una cosa davvero bellissima e per questo vogliamo ringraziare tutti i disegnatori che hanno dedicato il loro tempo e la loro creatività per realizzare questo progetto.

THE MAG 45 / Visioni – BecomingX

Published by

Redazione di the mag

0 thoughts on Alessandro Bacchetta – speciale “Visioni” – Becoming X

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: