Author Archives: nina

L’autunno è una ripartenza, basta scegliere dei buoni libri

Ripartire, in tutti i sensi. Dall’amore, da Londra, dallo scrittore più libertino e postmoderno della nostra letteratura, dagli strumenti per arginare un pessimo capo. Buon autunno e buona lettura. di Nina Gigante «La cultura giovanile è fatta […] di fumetti e radio libere […] e soprattutto di canzoni. La vera separazione con chi ha più di trent’anni [è] nel coinvolgimento emotivo e ideale che noi abbiamo con la musica»: Tondelli che si racconta a Natalia Aspesi per l’uscita di Altri […]

Il pane è un atto d’amore, per questo lo facciamo

Il pane è una cosa seria. Fare il pane è mettere la chimica al servizio della felicità. Pensate alle incredibili possibilità che offre la combinazione di lieviti, acqua, farine, con un pizzico di sale e zucchero: non è un bellissimo atto d’amore? La tradizione italiana della panificazione è enorme. TESTO: NINA GIGANTE e ANDREA LUCCIOLI Dai forni alle panificazioni domestiche, ogni impasto è una storia. E la storia è fatta di evoluzione, creatività e dedizione. Abbiamo raccolto quattro storie, diverse […]

Jennifer Guerra, se non sa amare non è la mia rivoluzione

Jennifer Guerra, autrice de “Il capitale amoroso. Manifesto per un Eros politico e rivoluzionario”, ci racconta perché, negli anni ’20, amarsi possa essere considerato l’atto più coraggioso che si possa compiere. di Nina Gigante Se non sa danzare non è la mia rivoluzione, diceva Emma Goldman a fine Ottocento. Se non sa amare non è la mia rivoluzione, potrebbe oggi rettificare Jennifer Guerra, giornalista e scrittrice, autrice de “Il capitale amoroso. Manifesto per un Eros politico e rivoluzionario” (Bompiani), un […]

Buoni consigli di lettura per viaggiare con la mente

Qual è il momento migliore per lanciare una nuova rubrica sui libri? L’estate ovviamente. Quindi pochi fronzoli, ci conosceremo più avanti. Intanto ecco la selezione estiva da portare sotto l’ombrellone. Buone letture! di Nina Gigante Caro Diario, sono felice solo in mare, nel tragitto tra un’isola che ho appena lasciato e un’altra che devo raggiungere. Nanni Moretti. Quando sbarchi ad Alicudi, gli isolani ti mostrano la “casa di Caro Diario” come un monumento. E tu ripensi a quella frase indimenticabile. […]