CINEMA METROPOLIS – Un bis da applausi

Da qualche settimana l’offerta del Cinema Metropolis si è arricchita grazie all’apertura della seconda sala all’interno del Museo Rometti (che ospita la collezione storica delle Ceramiche Rometti)

Si tratta di un progetto ambizioso e innovativo, in linea con le più avanzate tendenze che vedono i musei trasformarsi in centri culturali a 360 gradi, da luoghi di conservazione di un patrimonio a centri di produzione di nuovi stimoli e nuova cultura.

Il Museo Rometti, che già da qualche mese è stato rivitalizzato da numerose iniziative didattiche e culturali organizzate al suo interno, è stato dotato di un proiettore di nuova generazione, di uno schermo e delle sedute necessarie per trasformarlo in una seconda sala da 50 posti.

La programmazione, in linea con la straordinarietà della location, da subito è stata incentrata sulla qualità, privilegiando documentari d’arte (proiettati fra gli altri in uscita nazionale i titoli “Canova”, “Leonardo Cinquecento”, “Wunderkammer”) e produzioni indipendenti, senza tralasciare la proiezione di film in lingua originale e di pellicole ad hoc per i più piccoli, decuplicando così notevolmente le proposte del cinema Metropolis.

Alcuni film appena passati in Sala Rometti:

“Santiago Italia” di Nanni Moretti, film di chiusura del Torino Film Festival 2018;

“Sofia” di Meryem Benm’Barek-Aloïsi, premiato per la sceneggiatura nella sezione Un certain régard del festival di Cannes;

“Un valzer tra gli scaffali”, regia di Thomas Stuber, film in concorso alla Berlinale 2018;

“La gabbianella e il gatto”, regia di Enzo D’Alò, a 20 anni dalla prima uscita al cinema, in edizione restaurata.

Tutta la programmazione disponibile al sito www.cinemametropolis.it

Published by

Luca Benni Matteo Cesarini

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.