logo
logo

“Circolo virtuoso” – Storie di giovani e la musica di Niccolò Fabi al Teatro di Anghiari

1 min.

Accenti21

Si è chiuso mercoledì 22 gennaio al Teatro dei Ricomposti di Anghiari il tour di ‘Accenti’, il percorso di storytelling che racconta le tante carriere di giovani toscani che hanno usufruito – o stanno usufruendo – delle opportunità del progetto Giovanisì istituito della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.

Di fronte a un Teatro gremito, attento, incuriosito si è tenuto l’evento a metà tra presentazione colloquiale e reading musicale, che ha visto salire sul palco per primi i giovani beneficiari delle azioni del bando Giovanisì. Parole vere, sincere e sentite, che hanno raccontato i sogni, i progetti e le esperienze portate avanti da ragazzi e ragazze come tirocini, borse di studio, impegno nei servizi sociali, viaggi di formazione e apertura di aziende.

Poi è stata la volta della parte più artistica del serata. Tre attori-interpreti hanno letto stralci del libro di ‘Accenti’, scritto a più mani da autori toscani come Simona Baldanzi, Cosimo Calamini, Laura Del Lama, Ico Gattai, Emiliano Gucci, Ilaria Mavilla, Sasha Naspini, Lindsay Paiva, Matteo Salimbeni, e Vanni Santoni.

Scrittori toscani che con le parole hanno raccontato le storie di giovani della stessa regione. E in mezzo lui, Niccolò Fabi (già supervisore artistico della prima parte di Accenti-autonomi racconti di Giovanisì e dei due eventi di presentazione svoltisi a Firenze e Livorno nel giugno 2013), che ha accompagnato con la sua chitarra, ora pizzicata, ora blues, sempre intensa, le letture susseguitesi sul palco.

Emozionato, ispirato, riccioluto come al solito, Niccolò Fabi è apparso sopratutto in piena sintonia con il progetto e con i giovani che ne fanno parte, pieni di idee ma spesso bisognosi di un aiuto concreto e di una voce che li sappia supportare. «È davvero bello far parte di questo cammino, iniziato praticamente un anno fa», ha detto il cantautore romano. «Ed è bello averlo visto nascere, crescere e diventare una sorta di circolo virtuoso tra le persone e l’amministrazione pubblica: non succede spesso, lo dico sinceramente. Per questo – ha proseguito Fabi – vanno ringraziate le istituzioni che hanno avuto anche l’idea di raccontare queste storie, attraverso un libro scritto da altri ‘toscanacci’ che ci hanno messo le loro esperienze».

Post simili

Pubblicato da

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.