Con Clorophilla per fare scorta di mare. E di cielo, nella Chapelle de la lune

Ci sono alberi-coralli che offrono perle come mele dai propri rami. Sibille che, dentro il loro antro, danzano con una luna di foglia d’oro sulla testa. Veneri botticelliane distese dentro una guantiera per i dolci con la panna, quelli della domenica. C’è Penelope che aspetta il ritorno di Ulisse.

di Nina Gigante

E mentre attende il suo amato marinaio disperso tra le onde, ricama la sua casacca con cuori catene lettere e vento. Ci sono donne che dormono dentro una conchiglia, e conchiglie con il mare dentro. Cuori matrioska e vasi che custodiscono baci.

È un Universo femmina fatto di occhi, di mani, di sale e di stelle quello di Ludovica Basso in arte Clorophilla (clorophillastudio.com), artista ligure tra le più originali e  visionarie in circolazione.

Amatissima su Instagram ( instagram.com/clorophillas/ ) Ludovica, come il mare su cui è nata e davanti a cui vive e crea, fluisce continuamente tra forme e generi artistici: illustrazioni, quadri, foulard, vasi, magliette, borse, pareti. La tela di Clorophilla è tutto il mondo: «ho lasciato la Liguria per studiare a Torino Storia dell’Arte e poi fotografia» racconta a The Mag dal suo b&b-Atelier A Creuza Art  nella splendida Borgio Verezzi, il minuscolo paese in provincia di Savona tra Pietra Ligure e Finale Ligure «ma le cornici mi stanno strette.

Qualsiasi spazio bianco è come se potesse trasformarsi all’infinito: fin da quando ero bambina, sento di voler lasciare un segno sulle cose che mi circondano.

Ho cominciato decorando le vecchie giacche jeans al liceo e guarda dove sono finita!».

Ride, Ludovica, mostrandoci via zoom l’Atelier che ha intorno: tutto qui – dalle pareti ai cuscini, dalle tovaglie ai vasi agli specchi – è stato toccato dalla scia luminosissima dei suoi pennelli, aghi da ricamo, colori.  Proprio come la clorofilla per le piante, Clorophilla vivifica tutto ciò che incontra.

Perdetevi nelle sue illustrazioni per lasciarvi inondare dal sole dell’India, del Messico e del Sud del mondo che incendia i suoi colori. Accostate la testa alle conchiglie per tornare ad ascoltare le vostre profondità. Chiudete gli occhi e cominciate a guardare.

La Chapelle de La Lune

Stelle d’oro su soffitto azzurro. Stelle d’oro su pavimento azzurro. Entrare nella Chapelle de La Lune è già un incantesimo. La forza di gravita non esiste più e ti ritrovi, di colpo, solo al centro di te stesso.

Siamo a Grasse, la capitale dei profumi provenzali nel sud della Francia, all’interno di un ex capanno abbandonato diventato – grazie a Clorophilla e alla curatrice d’arte Valentina Guidi Ottobri (valentinaguidiottobri.com – IG:instagram/valentinag_o )- uno spazio nuovo, un luogo sacro dedicato alla contemplazione della luna e di Diana, la sua dea della caccia, dei boschi e della luna.

«La luna – ci racconta Clorophilla – è la madre dell’Universo.

É la culla della notte, la coperta degli amanti. É il simbolo della femminilità, dell’accoglienza uterina (la luna accoglie la luce del sole e la riflette), dell’intuizione femminile e della chiaroveggenza.

Per questo, la Chapelle è pensata come uno spazio che apra le porte dell’invisibile: un luogo sospeso tra l’oro e l’azzurro dove qualsiasi viaggiatore, entrando, possa onorare le sue stelle buone e, uscendo, portare con sé la luce della Luna. Quella luna che, mutando, illuminerà e rischiarerà il cammino della propria trasformazione».

La Luna è, in tutte le culture, simbolo di tutto ciò che dura e si rinnova: le emozioni sono lunari, lo è la sessualità, la creazione, le maree, i campi fertili, le messi che maturano. «In un’epoca di consumismo sfrenato – ha dichiarato Ottobri al New York Times lo scorso marzo inaugurando la Cappella che, restrizioni francesi permettendo, sarà visitabile su prenotazione a partire da giugno – dobbiamo tornare a riappropriarci di oggetti e luoghi. Oggetti come talismani, luoghi come posti sacri.

Se abbiamo imparato qualcosa, nell’ultimo anno, è che le nostre case sono le nostre cappelle».

www.vgo-associates.com/projects-la-chapelle-de-la-lune

Per prenotare una visita:

info@vgo-associates.com


THE MOON

CRADLE OF THE NIGHT,

REFERENCE FOR LOVERS.

A DREAM, A NIGHTMARE,

SOMETHING EXTRAORDINARY MAGICAL

WITHOUT ATMOSPHERE, YOU CAN’T BREATHE,

HOW WILL YOU SURVIVE?

A MYSTERY FOR ALL.

UNIQUE ILLUMINATED DARK BALL

YOU TURN ON, YOU TURN OFF, NOT WHEN YOU WANT.

DOMINATED BY YOUR ONLY THOUGHT,

THE SUN.

 

Ludovica Basso

Published by

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.