logo
logo

Dogana Vecchia, tradizione contadina d’autore

Agnese, la Ghighetta di Apecchio, fotografata nel suo ristorante La Dogana Vecchia
2 min.

Agnese, la Ghighetta di Apecchio, è tornata dopo molti anni alla gestione del Ristorante country house Dogana Vecchia aperta nel 1982.

Il ristorante propone i piatti della sua tradizione, contadini e poveri, già lungamente sperimentati dalla “Ghighetta” di Apecchio.

Agnese vicino a sé tiene la foto del 1975 di quando, con Ave Ninchi e Veronelli, presentò in TV il Bostrengo, un dolce povero, laborioso e montanaro, la cui ricetta si può scaricare nel video del 1975: “A tavola alle 7: il Bostrengo”.


Tra i piatti della tradizione ci sono i Cugni che, in campagna, si preparavano sfruttando le parti non utilizzate dell’uovo (il tuorlo serviva per i dolci e le tagliatelle del “padrone”) e la farina che avanzava.

Per il condimento recuperavano la pasta di salsiccia che rimaneva nella macchina dopo l’insaccamento cui, essendo insufficiente, si aggiungevano cotiche e fagioli.

Ghighetta propone molti altri piatti della tradizione contadina: i ravioli triangolari, i cappelletti piccoli come una volta, i gnocchetti farina e granturco ai ceci, il salmì del prete, gli arrosti cotti nel forno a legna, la tagliata dei carbonai, le crostate con le marmellate fatte di frutta a metri zero e, infine, il baccalà: all’alloro, in agrodolce, in umido, al forno.

LA RICETTA DEI CUGNI

Per 8/10 persone

Pasta:

  • Gr 500 di farina tipo 0,
  • gr. 150 di farina tipo 1,
  • albume di 6 uova medie,
  • gr. 300 di acqua.

Impastare aggiungendo acqua se necessario.

Stendere una sfoglia con il mattarello (o la macchina per la pasta) di spessore pari a quella delle tagliatelle. 

Tagliare la pasta a strisce tipo tagliatelle, larghe circa cm. 1,5.

Prendere le strisce con la mano destra e con la mano sinistra strappare la pasta ogni 6/8 cm circa, in modo da formare i “cugni”.

Stendere i cugni sulla spianatoia cosparsa di farina affinché non si attacchino. Cuocere in acqua bollente con una manciata di sale (q.b.).

Sugo:

  • Pasta di salsiccia gr. 300,
  • cotiche cotte a parte e pulite dal grasso tagliate a listelli corti e fini gr. 100,
  • Pomodori passati gr. 300,
  • Fagioli borlotti già bolliti gr. 300,
  • Sedano,
  • carota,
  • cipolla,
  • sale e pepe q.b.

Soffriggere sedano, carota e cipolla ridotti a dadini minuscoli o macinati.

Appena imbiondito il soffritto, aggiungere la pasta di salsiccia e la cotica e cuocere per circa 30 minuti, quindi versare il pomodoro passato e cuocere a fuoco lento.

Aggiungere i fagioli già cotti e continuare la cottura fino ad amalgamare il composto.

Versare in una padella il sugo, aggiungere i cugni cotti e servire.

I Cugni della Signora Agnese

Info

LA DOGANA VECCHIA 
Loc. Croce di Castiglione, 47
Città di Castello (PG)
Tel. 348 64 94 794 – 075 96 97 492
www.ristorantedoganavecchia.it
ghighettasas@gmail.com


Il piatto di Ceramiche Bizzirri | ZAFFIRO BIANCO

Preziosa come la pietra da cui prende il nome, la linea Zaffiro è il perfetto mix tra classico e moderno, tra arte e funzionalità. Il motivo disegnato sulle superficie degli oggetti, che richiama alla mente i classici disegni che tradizionalmente decoravano piastrelle e rivestimenti, si evidenzia sul fondo bianco con delicatezza, lasciandosi intravvedere e sorprendere. Eleganti e funzionali al tempo stesso, le ceramiche della collezione Zaffiro sono un omaggio all’artigianalità italiana che fonde arte ed alta manifattura.

Post simili

Pubblicato da

Redazione di the mag

Comments are closed.