Francesca Mantuano – speciale “Visioni” – Becoming X

Francesca Mantuano

Come il Coronavirus ha cambiato la tua vita?
«Quando si è cominciato a parlare di Covid19 in Cina devo ammettere che non pensavo ci avrebbe colpito così tanto. Nel momento in cui è stato dichiarato il “lockdown” di tutto il Paese mi sono sentita un po’ smarrita, e nel realizzare di essere completamente da sola, una “fuori sede” in piena regola, il mio primo pensiero è andato alla mia famiglia lontana».

Cosa hai riscoperto durante i giorni del grande isolamento?
«Tantissime cose. Mi sono impegnata il più possibile nel prendermi tempo per tutte quelle cose a cui non riuscivo a dedicare le attenzioni che avrei voluto sempre dargli, il disegno in primis e lo scrivere. Ma la cosa che, più di tutte, ho riscoperto è stata la musica. Sono sempre stata una grande ascoltatrice e da sempre amo scoprire nuove cose e mai come in questo periodo ho potuto farlo».

Cosa ti ha insegnato l’emergenza?
«La prudenza. Non solo nei gesti che oramai dovranno diventare parte della nostra quotidianità, delle nostre abitudini. La prudenza anche nell’uso delle parole che mai, forse, come in questo momento sono diventate fondamentali. Penso, ad esempio, agli anziani che vivono lontani da figli o nipoti e non hanno, spesso, altro mezzo che il telefono, la parola, quindi».

 


cosa ascolto

Una per riassumerle tutte: “Musique” – Daft Punk.

cosa leggo

“L’uomo solo” – Luigi Pirandello.

cosa guardo

“The Machinist” – Brad Anderson.


BIO 

Francesca Mantuano, classe 1987. Dopo il Liceo si diploma alla Scuola del Fumetto di Milano nel corso triennale di Fumetto Umoristico, nel 2009. Nel 2011 lavora come colorist nello studio di animazione Cartoon Saloon, in Irlanda. Negli anni matura interesse, oltre che per il fumetto e l’illustrazione, anche per la Grafica e il Web Design. Nel 2013 vince una borsa di studio per un Master in Web Design presso il NID di Perugia e dopo essersi diplomata comincia il suo lavoro come Web/Graphic Designer con Italia Online fino al 2015. Dal 2016 lavora presso Promovideo Srl, a Perugia, come Graphic/Web Designer.

 


Una matita ci salverà

Questo numero speciale di The Mag è nato da un’idea ma soprattutto dalla creatività di 50 illustratori del collettivo Becoming X. Scopriamoli!

Li abbiamo imparati a conoscere numero dopo numero su queste pagine.

Sono gli illustratori, i disegnatori e i fumettisti che insieme formano il collettivo Becoming X, un gruppo di ragazzi che dal 2012 ha deciso di condividere una passione, quella per il disegno.

Tante sensibilità, tanti sguardi e tante “penne” che, ognuna col proprio tratto, creano mondi e suggestioni che abbiamo imparato ad amare anche su The Mag.

In passato li abbiamo anche seguiti nei loro “live drawing”, delle specie di “estemporanee” dove ci si ritrova e si disegna insieme.

Li abbiamo visti all’opera in mille situazioni, dalla Galleria Nazionale dell’Umbria al Lars Rock Fest fino ai locali prima dei concerti o in degli eventi per i più piccini.

Talento, divertimento e tanta creatività: ci siamo innamorati subito del loro lavoro. Anche per questo, insieme al coordinatore e direttore artistico del collettivo, ovvero Daniele Pampanelli, abbiamo ragionato su una collaborazione “speciale” per questo numero da quarantena.

Il risultato di questo “esperimento” lo troverete nelle prossime pagine, a noi è sembrata una cosa davvero bellissima e per questo vogliamo ringraziare tutti i disegnatori che hanno dedicato il loro tempo e la loro creatività per realizzare questo progetto.

THE MAG 45 / Visioni – BecomingX

Published by

Redazione di the mag

Rispondi