logo
logo

Giorgio Borghetti – Città di Castello, il mio rifugio

Giorgio Borghetti portrait
4 min.

Abbiamo incontrato Giorgio Borghetti a Città di Castello e ci ha parlato del suo rifugio

In Italia abbiamo conosciuto la storia anche attraverso Giorgio Borghetti che a soli 11 anni si ritrovò a doppiare Elliot, dando voce al percorso di scoperta del diverso che Spielberg ci ha raccontato. Da allora ne ha doppiati altri, di film importanti, come L’attimo fuggente, Stand by me – ricordo di un’estate, A beautiful mind, fino ad arrivare alla recitazione nelle sue varie declinazioni; la televisione con fiction come Carabinieri, Incantesimo, Elisa di Rivombrosa, Un Matrimonio, miniserie firmata da Pupi Avati di prossima uscita e il musical con Bulli e Pupe dove ricopriva il ruolo che al cinema fu di Marlon Brando, senza mai perdere la curiosità e quel desiderio di rinnovamento che spesso hanno le persone più sensibili.

Nel 1982 la Universal Pictures distribuisce E.T. l’Extra-Terrestre per la regia di Steven Spielberg, pellicola destinata a diventare un vero e proprio cult, tutta incentrata sull’amicizia che il piccolo alieno riesce a stabilire con Elliot, un bambino di 9 anni. Legame che diventa grande al di là degli impedimenti linguistici, della provenienza e nel nome di quell’incoscienza mista a fiducia che è peculiare dell’infanzia.

Oggi Giorgio Borghetti è un giovane uomo con qualche capello bianco e più consapevolezza, che ha compiuto un lungo percorso in cui si è scoperto e riscoperto, mescolando esperienze personali e lavoro senza mai cadere nella trappola del manierismo, custodendo con fermezza la sua identità. Lo incontriamo in un giorno piovoso, durante una pausa fra i suoi impegni, sorridente, disponibile, pronto a raccontare se stesso con semplicità. Anzi, per quanto naturale possa essere la dimestichezza con la finzione, colpisce la sua autenticità e la voglia di immediatezza nel dialogo.

di Lorenza Mangioni

Giorgio Borghetti - the Mag

Giorgio Borghetti portrait

Giorgio Borghetti - the Mag

Giorgio Borghetti portrait

Giorgio Borghetti - the Mag Giorgio Borghetti - the Mag Giorgio Borghetti - the Mag Giorgio Borghetti - the Mag

 

Cosa ricordi dell’esperienza di E.T.?

Giorgio Borghetti: «Me la ricordo come un sogno ad occhi aperti; quale bambino non vorrebbe incontrare un alieno e con lui vivere un’avventura? Lì è iniziata per me l’avventura della mia vita, del mio lavoro, di quello che tuttora vivo».

Già intuivi che sarebbe diventata per te una professione e ti avrebbe avvicinato alla recitazione?

Giorgio Borghetti: «Ero troppo piccolo per avere una chiara consapevolezza, non mi facevo domande sul futuro; giorno dopo giorno è diventata la mia vita perché non ho mai smesso di doppiare».

Doppiare richiede tempismo e immedesimazione, sono caratteristiche che ti hanno aiutato poi da attore?

Giorgio Borghetti: «Nel doppiaggio è fondamentale l’immediatezza, non c’è trasposizione fisica, si deve dar voce alle emozioni che in quel momento qualcun altro sta vivendo, recitare invece coinvolge anche il corpo e tutta la sfera emotiva, quindi c’è un approccio molto differente. Ciò che sicuramente mi ha aiutato è stato imparare il rigore, la precisione, la costanza e l’attenzione, tutti aspetti fondamentali per vivere il set».

Nella tua vita c’è stato un momento in cui ti sei trasferito da Roma a Bologna, hai cambiato in toto il tuo modo di vivere e di avvicinarti al lavoro. Credi che si possano sempre conciliare scelte personali e carriera?

Giorgio Borghetti: «È molto difficile in un mestiere come questo: ci vuole equilibrio perché spesso si è fuori casa, costretti da orari davvero complessi da gestire e da impegni improvvisi a cui dire di no non sempre è possibile. Ne paga, le conseguenze, involontariamente, chi ci sta vicino. Diventa fondamentale bilanciare le priorità».

Ricordi il momento preciso in cui hai capito che andare oltre la sala di doppiaggio, quindi recitare, era il tuo sogno?

Giorgio Borghetti: «A 25 anni ho avuto un momento di svolta; volevo lasciare tutto e diventare maestro di sci, altra mia grande passione. Poi ho incontrato quello che ora posso definire il mio maestro, Riccardo de Torrebruna, che mi ha aiutato a capire come dare corpo alla voce e come gestire le emozioni. Da quel momento ho imparato ad amare la recitazione per la sua completezza, per la forza con cui si può rappresentare l’esperienza umana».

A gennaio ti vedremo in tv in “Un Matrimonio” per la regia di Pupi Avati, da molti considerato un maestro; com’è stato lavorare con lui?

Giorgio Borghetti: «Davvero è un grande maestro! Un uomo dall’aspetto burbero in apparenza, ma in realtà buonissimo e capace di interagire con tutta la troupe. Ho cercato di “rubare” il più possibile sul set, guardavo come sistemava le macchine, come dirigeva noi attori, con quale affabilità e fermezza si rivolgeva a tutti. La sua instancabile passione».

Tu sei stato sposato, hai poi avuto una storia importante e un bellissimo bambino, quanto di te hai messo in questo progetto con Avati?

Giorgio Borghetti: «In realtà porto sempre la mia esperienza personale sul set, non si può prescindere da ciò che si è; è un lavoro emozionale, in cui inevitabilmente si toccano corde sensibili. È anche importante l’immedesimazione per dare credibilità al progetto, ma in questo caso specifico è stato semplice; l’ambiente era di per sé familiare e raccontare la storia di un matrimonio lungo 50 anni attraverso dinamiche domestiche ha permesso un coinvolgimento maggiore».

Si può dire che da anni frequenti Città di Castello grazie ad alcuni rapporti di amicizia ormai consolidati; cosa ti piace di qui?

Giorgio Borghetti: «In una parola: la quiete. I ritmi della capitale sono davvero faticosi, Roma è una città meravigliosa e spietata allo stesso tempo, quando vengo qui è un rigenerarsi. Il silenzio, la calma e sicuramente il buon mangiare! I miei impegni non mi permetterebbero, almeno ora, di allontanarmi dalla città, ma avere un approdo tranquillo è sicuramente importante per decomprimere tensioni e stress».

Sei direttore di doppiaggio, impegnato in un prossimo progetto a teatro, ti vedremo inoltre anche nel cast di Centovetrine: pensi di poter fare già un bilancio o preferisci aspettare di vedere cosa riserva il futuro?

Giorgio Borghetti: «Il bilancio è assolutamente positivo. Senza presunzione, mi reputo un uomo pienamente realizzato: sono contento del lavoro, ho dei rapporti importanti che mi arricchiscono sempre, ma soprattutto ho un figlio che amo e che mi ha assolutamente cambiato in meglio. Ovviamente questo non toglie che c’è il desiderio di migliorare e di raggiungere tutti gli obiettivi che mi sono prefissato».

In un ambiente competitivo come quello dello spettacolo non sempre è facile per un giovane trovare la propria strada ed emergere, cosa consiglieresti?

Giorgio Borghetti: «Di pensarci molto molto molto bene (sorride). È una strada davvero difficile, dura, a volte passione e talento possono non bastare. Ci vuole fortuna ovvio, ma anche capacità di sacrificio e umiltà per non pensare di dover mai smettere di studiare e crescere. In fondo è quello che chiede anche la vita, no?»

Post simili

Pubblicato da

Redazione di the mag

Comments are closed.