logo
logo

E la chiamano estate – l’editoriale di Cristina Crisci

Ritratto di Crsitina Crisci in un interno casa
1 min.

Estate è quando non riesco a smettere di meravigliarmi di fronte a un campo di grano dorato, alle distese di girasoli, al verde ridondante della natura, all’aria che diventa calda, all’odore che ha l’asfalto quando piove, ai tramonti, al sole che va giù dietro le colline e ridisegna i confini in modo nitido, talvolta severo, altre volte morbido.

L’editoriale di Cristina Crisci

Alla bellezza non ci si abitua, per fortuna, e a me sembra nuova tutte le volte. Estate è quando vedo queste cose, che sono lì da prima che arrivassi io e mi rendo conto che vivere circondati da questa meraviglia è un privilegio di cui godere, come per grazia ricevuta. L’idea che le persone vengano da lontano a visitare questa terra, provino meraviglia e ne traggano beneficio, mi rende felice, nel senso più profondo della condivisione.

In questa copertina, coloratissima e movimentata (realizzata da Benedetta Baviera, alias Bedirs Malibu) si celebrano l’estate, i Festival, l’Umbria, la Valtiberina Toscana, insieme alle persone che dal loro altrove sono passate di qui per uno spettacolo, per una vacanza, per comprarci la casa dove tornare insieme ai figli. L’attrice Gwyneth Paltrow che va su e giù per l’Altotevere, da Citerna a Lisciano Niccone passando per Città di Castello e, prima di andare via, pubblica nei social l’ultimo tramonto umbro, dai colori bellissimi.

Tanto per restare in materia di cinema, Colin Firth, la supermodella e attrice Emily Ratajkowski a Todi; poi ancora Morgan che canta Tenco, Raphael Gualazzi e Francesco Motta che hanno invaso Sansepolcro di note.

Sullo sfondo le storie che, alla nostra maniera, raccontiamo di volta in volta e parlano di persone che riescono in piccoli e grandi imprese, più in generale a mettere in circolo quelle mai scontate energie buone di cui tutti abbiamo sempre bisogno: dallo sport, alla scuola, da un’idea che si rivela vincente ad un progetto difficile che si realizza, dalla passione al lavoro. Interessanti incursioni anche nella vicina terra toscana dove i festival estivi raccontano qualcosa di vivo e vitale: We Story, Kilowatt e i loro artisti. Che bravi!

E parla toscano anche la foto che inseriamo nel nuovo spazio ( The Mag Repost) nel quale ospitiamo lo scatto di Andrea Mambrini realizzato all’alba col sole che scende sopra la dritta di Anghiari e la veste di una luce unica.

E va benissimo così!

Leggi tutti gli editoriali di Cristina Crisci: l’editoriale del direttore

Post simili

Pubblicato da

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.