logo
logo

UN SECOLO DI ALBERTO BURRI, NEL 2015 IL CENTENARIO – the Mag N11

burri-the-mag
2 Min. - tempo di lettura

Il 2015, sarà l’anno lungo di Alberto Burri. Si celebra il centenario della nascita con una serie di eventi. La retrospettiva al Guggenheim Museum di New York (successivamente riallestita in Germania e in Italia); un originale e simbolico momento celebrativo a Città di Castello costituito da un convegno di studi e dal summit internazionale degli artisti.

Il restauro e completamento del Cretto di Gibellina accompagnati da una mostra palermitana al Riso; la ricostruzione a Milano del Teatro Continuo nel Parco Sempione; la pubblicazione del catalogo generale del maestro e la lavorazione di un film a lui dedicato.

Alberto Burri

Alberto Burri

Tra gli eventi previsti:

«AU RENDEZ-VOUS DES AMIS» (evoca il celebre dipinto di Max Ernst del 1922). Invitati da un comitato scientifico, circa 50 artisti appartenenti a diversi paesi, generazioni e tendenze di linguaggio, s’incontreranno a Città di Castello per interrogarsi e discutere sullo stato dell’arte contemporanea. L’incontro si svolgerà attraverso tavoli di lavoro in grado di suscitare l’interesse degli artisti e del pubblico ammesso all’ascolto, su argomenti diversi riguardanti l’arte odierna.

SOLOMON GUGGENHEIM MUSEUM – NEW YORK. Dal 15 ottobre 2015 (e fino a metà del gennaio 2016), aprirà la mostra antologica retrospettiva delle opere di Alberto Burri (a cura di Emily Braun). Oltre 100 opere: è la più ampia ed esauriente mai realizzata negli Usa da un museo di arte contemporanea. Il Solomon Guggenheim Museum sta lavorando da due anni insieme alla Fondazione Palazzo Albizzini per realizzare questa retrospettiva. Dopo l’avvio newyorkese, la mostra si renderà itinerante in sedi museali in Germania e Italia.

IL CRETTO DI GIBELLINA. A trent’anni dall’avvio della colossale opera, il «Grande Cretto» di Burri a Gibellina troverà completamento. La riapertura del cantiere che dovrà portare a compimento il ‘Grande Cretto’, così come concepito e definito da Burri, è avvenuta nei giorni scorsi, rendendo reale la fornitura dell’opera per il centenario. I lavori, avviati nel 1985 e interrotti nel 1989, coprono circa 65 mila metri quadrati a fronte degli 85 mila previsti. La Regione Sicilia insieme alla Fondazione Burri ha deciso di completare questa grande opera di land art.

UNO SGUARDO A PIERO. Un ideale incontro tra Burri e Piero della Francesca che avrà luogo nella Pinacoteca Civica e a Palazzo Inghirami di Sansepolcro dal 19 settembre al 19 ottobre prossimi.

RINASCE IL TEATRO CONTINUO. Nel 1973 Burri durante la Triennale progettò e realizzò l’opera permanente Teatro Continuo, una piattaforma scenica che divenne parte integrante del Parco Sempione, e anello di congiunzione ideale fra la Torre Filarete del Castello Sforzesco e l’Arco della Pace. Rappresentò una libera sede nel cuore di Milano, per spettacoli all’aperto. Nel 1989 il Comune decise di demolire. In occasione del Centenario la Fondazione Burri ha messo a disposizione i disegni originali dell’opera per permetterne la ricostruzione. La Fondazione e NCTM Studio Legale Associato doneranno il rinato Teatro Continuo al Comune di Milano e alla Fondazione La Triennale di Milano.

Il programma per il centenario è stato messo a punto grazie alla collaborazione di diversi enti locali, tra cui Regione, Provincia, Comune e Fondazione Cassa di Risparmio di Città di Castello sotto l’egida del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.  

Post simili

Pubblicato da

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.