logo
logo

Sorella Marilyn – Tiferno Comics 2014

Sorella-Marilyn_evidenza-the-mag
2 min.

“Del mondo antico e del mondo futuro/era rimasta solo la bellezza, e tu,/povera sorellina minore” Comincia con questi versi la poesia che Pier Paolo Pasolini ha dedicato a Marilyn Monroe; mai nessuno come lei ha saputo divenire un simbolo fuori dal tempo, capace di comunicare di generazione in generazione quell’idea di bellezza fragile e al tempo stesso inavvicinabile.

Tiferno Comics le dedica la mostra 2014, che già dal titolo “SORELLA MARILYN” (ispirato appunto dalla poesia di Pasolini) si pone l’obiettivo di avvicinare e omaggiare un mito.

di Lorenza Mangioni

L’associazione Amici del Fumetto ha superato così il rischio di fossilizzarsi in una formula che nel tempo avrebbe potuto rivelarsi limitante ed è riuscita a sconfinare oltre il fumetto toccando tutte le arti; una svolta, dunque, e un salto di qualità. Tanti i nomi importanti che parteciperanno, in molti casi esponendo opere create appositamente per l’occasione; oltre 40 rappresentanti dell’arte omaggeranno una donna che come poche ha saputo ispirare e affascinare registi, pittori, poeti.

Nel bel testo di presentazione alla mostra Vincenzo Mollica, direttore artistico di Tiferno Comics, dice «nessuna come lei da quando è apparsa su questa terra ha mai smesso di essere musa, fonte limpida di immaginazione, che si fa poesia, pittura, fumetto, illustrazione, fotografia, canzone, romanzo, favola, vita».

Infatti la grande novità di quest’anno sarà la creazione di un percorso che abbracci a 360 gradi l’icona Monroe, cercando di tessere un filo conduttore fra molteplici forme d’espressione. Si potranno ammirare disegni di Manara, Pratt, Crepax, un’intera storia di Ken Parker dal titolo “Un principe per Norma” per rimanere in ambito fumettistico, ma anche importanti opere di Rotella, Nano Campeggi, Warhol, Colin, Lodola, Nespolo, Grittini, le fotografie di Stern, parteciperà Bros, un famoso writer, ma non solo, ci saranno le poesie di Alda Merini, poesie scritte dalla stessa Marilyn Monroe e una sezione di oggetti appartenuti all’attrice.

Gli elementi perché questa mostra diventi un evento nazionale ci sono tutti e c’è soprattutto la volontà di offrire al pubblico qualcosa di unico, che rilanci l’idea di Città di Castello come importante polo d’arte, capace di formulare più proposte in diverse sedi della città. Nello stesso periodo infatti la Pinacoteca Comunale ospiterà “L’informale in Italia – Opere su carta della collezione della galleria civica di Modena” , si tratta di più di cento disegni ed incisioni dei massimi esponenti dell’informale italiana che coprono un arco di tempo che va dalla metà degli anni quaranta alla fine degli anni sessanta; l’esposizione sarà gestita dalla Cooperativa “Atlante Servizi culturali” e si terrà dal 23 agosto al 16 novembre.

La Mostra del Fumetto avrà come sfondo invece la sede originale, Palazzo Vitelli a sant’Egidio con l’idea di sfruttare anche il parco da poco riaperto; la presentazione della mostra si terrà sabato 27 settembre mentre l’apertura è prevista per il 28 settembre fino al 9 novembre, data di chiusura. Molti artisti hanno assicurato la loro presenza e ci si augura che questo unitamente alla qualità delle opere e all’impegno del presidente Bellini e dei responsabili organizzativi, Barrese, Duca, Traversini, Camillini e Baldelli possa dare la giusta rilevanza a questo imperdibile omaggio al mito.

“Ancora Marilyn, sempre Marilyn! Nessuna attrice ha saputo creare un rapporto di così grande vicinanza con il pubblico come lei; nessuna ha saputo regalare come lei illusione e verità con la sua vita e la sua arte volate via troppo in fretta; nessuna come lei è sbocciata e mai sfiorita; nessuna come lei ha dato vita ad una bellezza eloquente e insieme misteriosa che non conosce la parola fine;nessuna come lei ha fatto della sua vita uno dei romanzi più intensi del novecento; nessuna come lei si è buttata nel mare della vita senza salvagente, navigando smarrita senza bussola la gioia e il dolore; nessuna come lei ha avuto un’immensa bellezza che prendeva la forma e l’anima della sua immensa fragilità; nessuna come lei da quando è apparsa su questa terra ha mai smesso di essere musa, fonte limpida di immaginazione, che si fa poesia, pittura, fumetto, illustrazione, fotografia, canzone, romanzo, favola, vita… cinema; nessuna come lei per Pasolini è stata sorella e per Alda Merini luce; nessuna come lei per tutti noi è stata un bel vento che soffia ancora…”

Vincenzo Mollica

Orari di apertura: Dal mercoledì alla domenica 10.00 -12.30/ 15,30 -19.00. Presentazione mostra sabato 27 settembre ore 16,30.

Post simili

Pubblicato da

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.