Synthonia, i viaggi galattici dei The Comet Is Coming a Trevi domenica 29 agosto

Synthonia torna in Umbria. Domenica 29 agosto, a partire dalle ore 17, sarà infatti la splendida Villa Fabri di Trevi ad ospitare il quarto evento della rassegna musicale ideata da Dancity insieme al Museo del Synth Marchigiano. Un panorama mozzafiato che si staglia sulle colline trevane e che sarà reso ancor più suggestivo dalla luce del tramonto, ora in cui si esibirà l’acclamata band inglese The Comet Is Coming, in tour in Italia per sole cinque date.

Al loro atteso concerto seguirà la performance di Khalab, artista e producer di musica elettronica, al secolo Raffaele Costantino, conduttore del programma Musical Box in onda su Rai Radio2. Ma non solo, ci saranno molti altri interessanti artisti che arricchiranno la line-up di Synthonia 04. Sul palco principale, nell’area “Ninfeo”, in apertura al trio londinese si esibirà Lorenzo Morresi, produttore, musicista e DJ che lavora tra Regno Unito (Londra) e Italia. Il “Giardino Casa del Custode” sarà dedicato a “Shynthetic Meditations”, la rassegna nella rassegna caratterizzata da piccole performance di elettronica semiacustica, contemplativa e ambient, che vedrà esibirsi Marco uBiK Bonini, chitarrista, arrangiatore e manipolatore elettronico, Alberto Napolioni, musicista che utilizza macchine, campionatori e drum machine, e Pulsar, produttore folignate amante dei synth e della ricerca sonora. Il “Piazzale dei Cipressi” ospiterà invece il warm up del collezionista di vinili e DJ Cap, a cui seguirà il progetto Mediterraneo, presentato dal The Circle di Perugia e composto dai talenti nostrani Max P, Ricky L e Stefano Tucci. Tre palchi per un viaggio musicale unico, che sarà accompagnato da uno spazio drink & food con prodotti tipici del luogo.

THE COMET IS COMING

Con il loro “funk spaziale apocalittico”, che unisce jazz, funk, elettronica, psichedelia, hip-hop e improvvisazione, The Comet is Coming (trio formato da King Shabaka al sassofono, Danalogue alle tastiere e Betamax Ohm alla batteria) hanno raggiunto un successo internazionale, grazie a un mood che nasce dal comune amore dei componenti per Sun Ra, Jimi Hendrix, John e Alice Coltrane, Can, Mahavishnu Orchestra, techno, house, grime e hip-hop del futuro. Prendendo il nome da una registrazione del BBC Radiophonic Workshop, il trio, proveniente dalla fertile scena jazz slipstream del sud di Londra, ha iniziato a registrare quasi immediatamente, pubblicando release su Leaf Label e Impulse! Records, etichetta sulla quale è uscito anche l’ultimo singolo “Imminent”, e raggiungendo nel tempo un grande consenso di critica e pubblico. Un percorso costellato da diversi sbocchi prima della loro formazione del 2013, anno in cui il duo Soccer96 – Betamax Killer e Danalogue the Conqueror – mentre stava suonando ad un concerto notò “un’alta figura ombrosa” vicino al palco con un sassofono in mano e la invitò a suonare. Da lì consegnarono il loro primo set completamente improvvisato. Accolti con entusiasmo dal pubblico, decisero di formare l’attuale band. Shabaka Hutchings, invece, ha suonato e registrato con Melt Yourself Down, Sons of Kemet e altri gruppi. Domenica 29 agosto alle ore 20:00 si esibiranno a Villa Fabri tra colline di ulivi, sfumature di verde e un paesaggio meraviglioso che si apre sulla vallata fino a raggiungere Montefalco, Foligno e a perdersi nell’orizzonte.

Published by

Andrea Luccioli

puoi seguire Andrea anche su: Facebook - Instagram - Linkedin

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.