logo
logo

Tutto Torna

Cristina Crisci - the Mag
2 min.

Quando sono arrivata nel giugno 2013, The Mag era appena nato. Non sapevo bene cosa avrei fatto e che direzioni avremmo preso: si trattava di una sfida nuova un po’ per tutti.

Da quel giorno abbiamo pubblicato più di 30 numeri. Dopo 5 anni posso dire che è stata un’esperienza importante: momenti divertentissimi, altri difficili.

Ho incontrato centinaia e centinaia di persone, raccontato storie interessanti, grazie anche alla vocazione di questo giornale: valorizzare il bello, le esperienze artistiche e i talenti, tenuti insieme da un filo invisibile e sottile, numero dopo numero.

Questo è stato possibile grazie al contributo di tutta la redazione composta, nel tempo, da persone impegnate in lavori, inclinazioni, gusti e passioni diversi, che ad un certo punto, quando si tratta di chiudere il giornale, convergono in un qualcosa che prima non c’era e adesso c’è.

Sto chiudendo il mio ultimo numero di the Mag e il dietro le quinte è, come sempre, un brulicare di entusiasmi e piccole isterie, nervosismi latenti e scadenze a portata di minuto, mail da condividere, titoli da correggere, ripetizioni, crediti fotografici, post-it che abitano la tastiera del computer – e che di notte si arricciano come se ridacchiassero delle cose che mi dimentico – refusi che spuntano e poi correggo a matita, con la lampada accesa sul comodino.

E ancora: le storie che ti porti a casa, le soddisfazioni, gli errori che ci ripensi quando è tardi.

Le interviste, sì, di interviste ne abbiamo fatte di divertenti. Ne ricordo una ‘storica’ a Manuel Agnelli  (e la sua voce quasi arcana che spunta dall’altra parte del telefono); un’altra di domenica con Monica Bellucci incontrata al Castello di Sorci un po’ per caso in un’operazione di raffinata intelligence; di mercoledì invece io che intervisto in lingua inglese – non senza difficoltà – un fantomatico e ricchissimo finanziatore di concerti rock.

Un giorno invece al Parco della Montesca di Città di Castello abbiamo incontrato Salvatore Sciarrino – la sua eleganza innata, gli spartiti che volano mossi dal vento e le foto di Emanuele.

Poi gli italiani all’estero; i ragazzi che lavorano in giro per il mondo e che rispondono puntuali alle nostre interviste: «Dell’Italia? Ci manca il calore della gente, non la burocrazia».

Domande, vita, risposte, incontri.

Domattina portiamo i pasticcini in ufficio per alleggerire la tensione.

Il dilemma copertina, il dilemma colore del logo in copertina, il dilemma titolo di copertina, ancora bozze, no, sì, ok ci siamo.

Burri, i musei, gli artisti che camminano lenti, le mani dietro la schiena; l’aura del mito; Jannis Kounellis, la sua semplicità che non c’è più e il tempo si è mangiato quell’intervista che avremmo voluto fare a casa sua; i disegnatori, la china e la matita, le modelle, che belle le ragazze che hanno i sogni chiusi nel cassetto: apriteli c’è spazio per tutti.

The Mag per me è stato anche questo.

Lascio la direzione, da questo numero passo il testimone ad Andrea che da tempo collabora con noi e che saprà fare un ottimo lavoro, ne sono certa.

Io continuerò a far parte della famiglia di The Mag insieme ad alcuni progetti che abbiamo avviato.

Non è stata una decisione facile, come non lo è ogni volta che si compie un pensiero, un progetto, prima solo immaginato, poi sostenuto e talvolta anche difeso.

Scorro le copertine. Se le guardo insieme fanno un collage di colori pastello, mi piacciono anche quelle in bianco e nero.

Ci sono parti di me ovunque in queste pagine, mi ritrovo qua e là nella scelta di foto, personaggi, parola, posizione titolo, togliamo quel sommario che non mi piace… e mi vengono in mente tutti quelli che mi hanno aiutato, numero dopo numero, a raggiungere un equilibrio, nella comune convinzione che le cose belle abbiano ancora senso.

Grazie a tutti voi!

Post simili

Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Tutto Torna
Average rating:  
 1 reviews
by Anonymous on Tutto Torna

Complimenti per la bellissima rivista

Pubblicato da

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.