logo
logo

Umbria Libri 2019 è “On the road”: il programma sulle tracce del Beat

5 min.

La strada è paradigma del nostro tempo e metafora di esplorazione, ma anche di rivolta e critica alla società, metafora del percorso individuale di crescita e del rapporto individuale con la letteratura. E proprio “Sulla strada” è il filo conduttore di incontri, presentazioni e performance della 25^ edizione di Umbrialibri, la rassegna editoriale e culturale promossa dalla Regione Umbria, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, in programma dal 4 al 6 ottobre nel Complesso Monumentale di San Pietro, a Perugia, grazie alla disponibilità della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi, della Fondazione per l’Istruzione Agraria, dei Monaci di San Pietro e della biblioteca Mario Marte.
“Ringraziamo le istituzioni e gli enti che sostengono Umbrialibri che – ha esordito in conferenza stampa Mauro Pianesi, dirigente del Servizio valorizzazione delle attività culturali della Regione Umbria – dopo 25 anni sta lavorando bene anche in funzione dello sviluppo dell’editoria umbra: secondo quanto riporta una ricerca dell’Associazione Italiana Editori, nel 2017 erano censite in Umbria 25 case editrici. A Umbrialibri, quest’anno, ce ne saranno 44: in 2 anni possiamo notare un aumento di oltre il 25% di imprese che si occupano di editoria nella nostra regione”. Tra i sostenitori di Umbrialibri, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, rappresentata in conferenza stampa da Massimo Vignaroli, del Comitato di Indirizzo della Fondazione, che ha sottolineato come “una manifestazione di questo tipo abbia un’importante ricaduta per il territorio anche dal punto di vista turistico”. Per la città di Perugia, in generale, e per il quartiere del Borgo Bello, in particolare, dove si trova il complesso monumentale di San Pietro, sede di Umbrialibri e della Facoltà di Agraria, “orgogliosa di ospitare un evento di questa importanza”, come ha ribadito Francesco Tei, Direttore del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali dell’Università degli Studi di Perugia. E quest’anno aumenterà il coinvolgimento del quartiere, con una rassegna di eventi “off” promossa al T-Trane di corso Cavour.

On the road. Con le anteprime nazionali nel segno di Ferlinghetti UL è Beat

Sulla strada vuol dire anche Beat Generation, e il collegamento sarà chiaro già a partire dall’anteprima in musica con A Coney Island of the Mind (a kind of circus of the soul…), concerto-lettura jazz dedicato a Lawrence Ferlinghetti, giovedì 3 ottobre alle 21 all’Auditorium Marianum dell’Istituto Musicale G. Frescobaldi, in corso Cavour. Suoneranno Adam Pieronczyk (sax, per la prima volta in Umbria), Marco Sarti (contrabbasso), John B. Arnold (batteria) e Alberto Rossatti (voce recitante). Sempre nel segno di Ferlinghetti Umbrialibri 2019 presenterà, in prima nazionale a San Pietro sabato 4 ottobre alle 18, il film Lawrence. A Lifetime In Poetry, di Giada Diano ed Elisa Polimeni, dedicato al poeta italo-americano – e primo editore di Jack Kerouac e Allen Ginsberg – che, durante i festeggiamenti per i suoi 100 anni compiuti lo scorso 24 marzo, è stato il primissimo spettatore del film. Giada Diano è anche la traduttrice italiana di Ferlinghetti e, nello specifico, di Little Boy, la sua autobiografia uscita qualche mese fa negli Stati Uniti. La prima presentazione nazionale dell’edizione italiana del libro – in uscita per le Edizioni Clichy – si terrà proprio durante Umbrialibri 2019, sabato 5 ottobre alle 17. L’appuntamento, dedicato a Ferlinghetti e alla cultura “On the road” vedrà anche la partecipazione di Omar Pedrini, il cantautore e chitarrista ex leader dei Timoria, legato a Ferlinghetti da una lunga collaborazione artistica.

Musica, letteratura, poesia e sport. I tanti volti di Umbrialibri 2019

Strada, viaggio e musica anche nel racconto che, sempre venerdì 5 ottobre, Pino Strabioli e il fisarmonicista Marcello Fiorini dedicheranno al viaggio in Italia di Hans Christian Andersen: alle 19, sarà protagonista il magnifico e pauroso del viaggio in Italia che il grande favolista danese fece nel 1840. La prima giornata di Umbrialibri 2019 si chiuderà poi tra musica e poesia, alle 21 alla Sala dei Notari, con una tappa speciale del tour Capta – Tornate Sovrumani, il nuovo show di Gio Evan, artista poliedrico, scrittore e poeta tra i più amati e seguiti in Italia, filosofo, umorista, performer, cantautore e artista di strada. Sabato 5 ottobre, sempre alle 21 e sempre alla Sala dei Notari, toccherà invece a Guido Catalano poeta, scrittore, performer, vera rockstar del verso d’amore declamato. Catalano presenterà Tu che non sei romantica – Il tour: dialoghi, parole e poesie amorose per la “versione live” del suo ultimo libro, Tu che non sei romantica, successore del fortunato D’amore si muore ma io no edito nel 2016 da Rizzoli. Ancora “sulla strada”, Umbrialibri omaggerà poi Fausto Coppi, a cent’anni dalla nascita del Campionissimo: venerdì 4 ottobre alle 17 “W Coppi!”, con la presentazione dei libri Alfabeto Fausto Coppi. 99 storie e una canzone, di Gino Cervi e Giovanni Battistuzzi (Ediciclo Editore), Coppi ultimo, di Marco Pastonesi (66thand2nd) e Fausto Coppi. Gli anni, le strade, antologia di autori vari (Bolis Edizioni). Sempre in tema di anniversari, con Einaudi Ragazzi venerdì 4 ottobre si ricorderà Gianni Rodari, del quale ricorrerà, il prossimo anno, il doppio anniversario della nascita (1920) e della morte (1980).

Tra gli ospiti della tre giorni ci saranno poi Giancarlo De Cataldo, Franz Rossi e Giovanni Storti, Marcello Veneziani, Emma D’Aquino, Goffredo Fofi, Loredana Lipperini, con l’ormai tradizionale diretta di Radio3 Rai Fahrenheit del sabato pomeriggio, Miguel Angel Valdivia, Paolo Flores d’Arcais, Pietrangelo Buttafuoco, Cristiano Cavina, Umberto Fiori, Eleonora Caruso, Simona Vinci, Giacomo Papi, Valeria Parrella, Franco Lorenzoni, Eraldo Affinati e tanti altri. Ricca presenza, ovviamente, di editori umbri (44 in tutto), con la mostra mercato nel chiostro interno di San Pietro e una fitta serie di presentazioni.

Seconda edizione del Premio letterario Severino Cesari: è “Città irreale” di Cristina Marconi (Ponte alle Grazie) il miglior esordio dell’anno

È Città irreale di Cristina Marconi (Ponte alle Grazie), il vincitore della seconda edizione del Premio Letterario Nazionale Opera Prima “Severino Cesari”, promosso dalla Regione Umbria in collaborazione con Emanuela Turchetti, moglie del grande scrittore e curatore editoriale umbro, scomparso nel 2017, e Progetto Scenario. Nella terzina finalista anche Come mosche nel miele, di Francesca Tassini (Solferino) e Lux, di Eleonora Marangoni (Neri Pozza). La Giuria, coordinata dalla scrittrice Simona Vinci, e composta da Luca Briasco, Pietrangelo Buttafuoco, Giancarlo De Cataldo, Concita De Gregorio, Luca Gatti, Carlo Lucarelli, Gabriella Mecucci, Francesca Montesperelli, Giacomo Papi e Michele Rossi, interverrà sabato 5 ottobre, alle 18.30, alla premiazione del vincitore, seguita da una lettura teatrale di Sandra Fuccelli e Stelio Albino, tratta dal libro di Cesari Con molta cura.

I linguaggi dell’editoria a Umbrialibri 2019. Tre workshop formativi tra illustrazione, traduzione ed editing 

Traduzione letteraria, scrittura e illustrazione. Anche quest’anno Umbrialibri proporrà uno spazio formativo riservato ai diversi linguaggi dell’editoria e della narrazione con tre workshop specifici. Il primo, Sulla strada della traduzione. Laboratori e seminari, a cura della Scuola del libro di Roma – ideata da Marco Cassini, già fondatore di minimum fax e delle edizioni SUR – settepiani e MenteGlocale, si terrà da giovedì 3 a sabato 5 ottobre e sarà incentrato sulla traduzione letteraria. Vita da editor. Dal manoscritto al libro: è dedicato alla professione dell’editor il secondo workshop formativo in occasione dell’edizione 2019 di Umbrialibri, in programma a Perugia da giovedì 3 a domenica 6 ottobre, promosso e curato dell’Associazione Editori Umbri. Alle esercitazioni si alterneranno momenti di confronto con autori, illustratori, linguisti e redattori professionisti, in una vera e propria full immersion nel lavoro di redazione e di editing. L’editoria illustrata sarà invece al centro del terzo workshop a cura di settepiani e di MenteGlocale – e con un focus sul Progetto di un magazine indipendente come racconto di identità urbane, a cura dello studio di comunicazione CoMoDo Comunicare Moltiplica Doveri dal 30 settembre al 3 ottobre presso l’Accademia di belle Arti di Perugia – Leggo le figure, con la direzione creativa di Antonio Sualzo Vincenti. I laboratori si svolgeranno a Perugia da venerdì 4 a domenica 6 ottobre, con approfondimenti dedicati alla scrittura e ai linguaggi dell’albo illustrato, all’illustrazione e alla progettazione di albi e riviste.

Pubblicato da

Comments are closed.