logo
logo

Un tris di donne sotto le stelle del Riverock

1 min.

Sul palco del festival di Assisi, che quest’anno ha festeggiato i dieci anni, sono salite le divine in rosa: Cristina Donà, Ginevra Di Marco e Joan As A Police Woman

di Andrea Luccioli

I dieci anni del Riverock festival di Assisi si sono tinti di rosa per un doppio eccezionale concerto.

Sul palco, infatti, sono saliti due progetti totalmente al femminile e che hanno visto per protagoniste tre grandi donne della musica. 

Cristina Donà e Ginevra Di Marco

Ad aprire le danze ci ha pensato l’insolito – ma non troppo – duo tra Ginevra Di Marco e Cristina Donà

Insolito perché in pochi si sarebbero aspettati che le due cantautrici, dopo alcuni concerti insieme lo scorso anno, potessero decidere di proseguire la loro collaborazione. 

E invece così è stato.

Nei mesi scorsi è arrivato un disco “Così vicine”, a suggellare un progetto che poi ha preso una sua dimensione live che, appunto, è transitata anche in terra umbra. 

Ginevra Di Marco e Cristina Donà hanno deciso di unire la loro cifra stilistica per creare un progetto che dal vivo sul palco del Riverock le ha viste intrecciare i loro rispettivi repertori in un concerto che di fatto ha celebrato la loro lunga e prestigiosa carriera artistica. 

Cantautrice la Donà, grande interprete la Di Marco, hanno saputo coagulare note al femminile in maniera appassionata regalando uno spettacolo che ha visto con loro sul palco il gruppo dello spettacolo “Stazioni Lunari”, Francesco Magnelli (piano e magnellophoni), Andrea Salvadori (chitarra, loop, tzouras), Luca Ragazzo (batteria), con l’aggiunta del produttore e co-autore degli ultimi dischi di Cristina Donà, Saverio Lanza (chitarra). 

Joan As Police Woman

Cambio di palco e poi è stata la volta della polistrumentista newyorkese, Joan As Police Woman, la avevamo già annunciata, originale e stravagante, artista che negli anni ha collaborato con artisti del calibro di Elton John, Lou Reed, Nick Cave, Rufus Wainwright, Antony e Battiato

Dopo aver pubblicato “Damned Devotion” lo scorso anno, l’ultimo acclamato disco di studio, Joan As Police Woman è tornata da poco con “Joanthology”, il multi-album con i migliori successi. 

Un concerto, quello di Joan, che potremmo definire ipnotico

La sua forte presenza scenica, pur senza eccessi, ha calamitato l’attenzione del pubblico.

Si è divisa tra pianoforte e chitarra suonando e cantando i brani della sua antologia e alcuni pezzi dall’album di cover che sta per pubblicare.

Pubblicato da

Comments are closed.